AZIENDA AGRICOLA
ROSSO LAMPONE

di Michela Manu

La Fiera

fiera e festa di Sant'Anatolia

Festa e antica Fiera di Sant'Anatolia

Tra religione e tradizioni musicali e gastronomiche
(Vendita di animali della nostra fattoria su prenotazione!)

Si tiene il 9 e il 10 Luglio la tradizionale festa di Sant'Anatolia, Patrona di Gerano.

Come ogni anno anche in questa edizione la festa religiosa sarà accompagnata dalla tradizionale ed antica fiera di merci e bestiame che richiama migliaia di pellegrini da tutta la Regione Lazio per onorare Santa Anatolia quale Patrona di Gerano.

Dallo scambio e vendita dei prodotti agricoli, manufatti artigianali per la vita economica, limitata al trasporto e allevamento del bestiame, poco alla volta la Fiera è andata inserendosi nel mondo degli articoli artigianali “introvabili” (lavorazione dei vimini e metalli – ferro, rame, legno, finimenti e manufatti in cuoio, tessuti, terra cotta, pietra, etc…) Una razionale disposizione dello spazio riservato ai punti vendita ed esposizione merci, sta offrendo al crescente pubblico un servizio ottimale, anche nei momenti di maggiore afflusso.


Alle “baracche” (trattorie estemporanee) che accoglievano i stanchi pellegrini, commercianti e acquirenti della provincia, oggi si sono sostituiti lungo il prato dei chiostri – ristoro mobili, pronti a soddisfare ogni gusto, fame o sete con i tradizionali piatti della Fiera, come sempre preparati dai laboriosi componenti della Associazione Pro-Loco di Gerano.


Se d’altra parte, si fa sempre più rara la presenza dei gruppi in costume, diventa invece più puntuale e consistente quella delle carovane degli zingari in roulottes. E’ la stessa folla che crea un clima di festa e un tinta di folklore nell’indossare e provare mentre cammina, l’oggetto comprato; immancabili i caroselli, le giostre e i giochi per bambini.


La Fiera di Santa Anatolia è un evento che nel Comune di Gerano viene organizzato ormai da qualche secolo, come testimonia la litografia del pittore Edward Lear del 1838 e i documenti storici in nostro possesso. Una fiera conosciuta in tutto il territorio regionale che l’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Associazione Pro-Loco già da qualche anno sta cercando di riportare agli antichi splendori.

Ovviamente tra gli obiettivi principali c’è la conservazione di questa secolare tradizione, la promozione turistica del territorio e la valorizzazione dei prodotti tipici della nostro paese e di quelli cucinati dai nostri padri in occasione della Festa per la Santa Patrona.

"Santa Anatolia come crocevia di tradizioni, musiche, gastronomia locale, religione, mercato artigianale che affondano le proprie radici nella notte dei tempi e sono la testimonianza viva della grande ricchezza storica, culturale, religiosa conservata nei nostri piccoli comuni e che gli enti istituzionali sovracomunali devono assolutamente difendere, sostenere e valorizzare".